La Francia ha il suo nuovo presidente, Macron si insedia all’Eliseo. Concluso il passaggio di consegne con Hollande

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Emmanuel Macron è ufficialmente il presidente della Repubblica francese. A sette giorni dal trionfo al ballottaggio, infatti, il fondare del movimento En Marche si è insediato all’Eliseo, dove è stato accolto da Francois Hollande, che ha invece oggi mestamente detto addio al suo ruolo. E, stando agli ultimi sondaggi, in pochi sentiranno la sua mancanza. Il suo saluto tra i due è stato comunque molto caloroso, decisamente diverso rispetto a quanto accaduto nel 2012 quando il leader socialista fu accolto da Nicolas Sarkozy.

La cerimonia prevede il trasferimento di alcune informazioni fondamentali per la Repubblica come quello dei codici per l’uso di armi nucleari. Il primo atto ufficiale di Macron è stato quello di nominare Alexis Koehler, 43 anni, come nuovo segretario generale dell’Eliseo, già capo di gabinetto del noe presidente quando era ministro dell’Economia nel governo Valls.

Al di là della celebrazione, per Macron si apre un primo mese difficile: deve prima di tutto dare impulso alle promesse fatte in campagna elettorale. Ma, dal punto di vista politico, dovrà porre l’attenzione su una seconda campagna elettorale non meno importante della prima: quella per le elezioni legislative che formeranno il nuovo Parlamento. Il suo movimento En Marche è chiamato a darsi una struttura in poche settimane, con lo scopo di conquistare anche la maggioranza parlamentare e governare per cinque anni senza troppi problemi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA