La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea apre col jazz. L’inaugurazione col concerto gratuito di Paolo Fresu e Gianluca Petrella

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si comincia in grande alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma. Con Paolo Fresu e Gianluca Petrella, in concerto gratuito.

In occasione dell’inaugurazione della grande mostra Time is Out of Joint, lunedì 10 ottobre 2016 alle ore 20.00, torna il jazz d’autore sulla scalinata della Galleria Nazionale, che si trasforma nuovamente in un palco a cielo aperto con il live di Paolo Fresu e Gianluca Petrella. Il concerto è gratuito.

Con Time is Out of Joint la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, diretta da Cristiana Collu, scrive un nuovo capitolo della sua storia portando a compimento l’ampio processo di trasformazione, riorganizzazione e riallestimento, iniziato il 21 giugno 2016.

L’esposizione, il cui titolo cita i versi dell’Amleto di William Shakespeare “The time is out of joint”, sonda l’elasticità del concetto di tempo, un tempo non lineare, ma stratificato, che sembra porre in atto il dilemma dello storico dell’arte Hans Belting “la fine della storia dell’arte o la libertà dell’arte”.

È il definitivo abbandono di qualsiasi linearità storica, per una visione che dispiega, su un piano sincronico, le opere come sedimenti della lunga vita del museo: da Giacomo Balla, Gustav Klimt, Lucio Fontana, Alberto Giacometti a Cristina Lucas, Adrian Paci, Sophie Ristelhueber, per citarne alcuni.

Sostenuta dall’autonomia speciale della riforma del MiBACT, la Galleria Nazionale si propone come luogo di scoperta, aperto alla ricerca e alla contemplazione, e spazio di riflessione sui linguaggi, sulle pratiche espositive e sul ruolo del museo contemporaneo.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le destre a pezzi nei Comuni

In autostrada nei giorni da bollino rosso c’è meno traffico rispetto al via vai dei sondaggi sulle prossime amministrative. Nel mazzo c’è anche roba di dubbia provenienza, a uso e consumo dei candidati che commissionano (e pagano) le indagini. D’altra parte, un po’ d’ottimismo fa

Continua »
TV E MEDIA