La guerra dell’accoglienza. Maroni scrive ai prefetti: stop assegnazioni in Lombardia. Ma l’emergenza è in Sicilia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Mentre continuano senza tregua gli sbarchi sulle coste siciliane, non si placa la guerra istituzionale tra le regioni del nord e il Governo. Solo nella giornata di ieri sono stati soccorsi più di 400 migranti. Oltre 6mila nel fine settimana. Un flusso inarrestabile. E a guidare la guerra contro l’accoglienza è il presidente della Lombardia, Roberto Maroni, che oggi ha scritto ai prefetti per chiedere “di sospendere le assegnazioni nei comuni lombardi di nuovi arrivi tra i migranti in attesa che il Governo individui soluzioni di accoglienza temporanee più eque, condivise ed idonee. Per garantire condizioni reali di legalità e sicurezza”. Solo ieri Maroni ha minacciato di bloccare i trasferimenti ai comuni che si dicono favorevoli all’accoglienza. Un annuncio da molti bollato come “ricatto”. E a cui Renzi ha risposto proponendo l’esatto contrario, ovvero, incentivi ai comuni che accoglieranno migranti. C’è da sottolineare che le politiche di accoglienza vengono gestite dal Governo centrale. E non dalle regioni che intervengono soltanto nell’indicare i posti dedicati all’accoglienza. I dati del Viminale parlano di Sicilia come prima regione per numero di migranti accolti, a seguire c’è il Lazio e poi la Lombardia. Insomma il problema riguarda tutta l’Italia. La Lombardia non è certo la vittima designata. Per questo il premier, Matteo Renzi, ha invitato i governatori a recuperare buon senso.