La Jihad a casa nostra. Arrestato a Cosenza un foreign fighter marocchino. Era pronto a partire per fare la guerra

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Arrestato un foreign fighter in Italia. Il blitz della Polizia in provincia di Cosenza nei confronti di un marocchino. L’operazione è coordinata dal Servizio centrale Antiterrorismo. In manette è finito Hamil Mehdi, di 25 anni, residente a Luzzi (Cosenza), commerciante ambulante con permesso di soggiorno: gli uomini della Polizia, che indagavano su di lui dal luglio scorso, lo hanno bloccato all’alba.

Secondo quanto emerso dalle indagini il marocchino era pronto a partire per i territori di guerra.Il marocchino nello scorso mese di luglio era rientrato in Italia dopo essere stato respinto in Turchia.
Mehdi era stato bloccato all’aeroporto di Istanbul da dove, secondo gli inquirenti e gli investigatori, avrebbe tentato di raggiungere la Siria per arruolarsi nelle file dell’Isis. Il marocchino è così stato respinto dalle autorità turche e rispedito in Italia dove è stato bloccato all’aeroporto di Fiumicino. L’uomo si è giustificato dicendo che si era recato in Turchia “soltanto per pregare”.

Nel suo appartamento sono stati ritrovati pantaloni militari, due telefoni cellulari, 800 euro e una pubblicazione dei Fratelli Musulmani sui comportamenti che deve tenere un buon musulmano secondo il Corano.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA