La Lega trionfa in tutto il Paese e chiude la partita delle europee al 34,3% incassando oltre 9 milioni di preferenze

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Alla chiusura delle scrutinio per le europee la Lega si conferma il primo partito in ambito nazionale con oltre 9 milioni e 153 mila preferenze pari al 34,33%. Al secondo posto il Pd, con poco più di 6 milioni di voti, pari a una percentuale del 22,69%. Il MoVimento 5 Stelle, con 4 milioni e mezzo di preferenze e il 17,07%, si conferma la terza forza politica, seguito da Forza Italia 8,79% e Fratelli D’Italia 6,46%.

Seguono, sotto la soglia del 4%, +Europa-Italia in Comune-Pde 3,09%, Europa Verde 2,29%, La Sinistra 1,74%, Partito Comunista 0,88%, Partito Animalista 0,60%, Svp 0,53%, Popolo della Famiglia – Ap 0,43%, Casapound – Destre Unite 0,33%, Popolari per l’Italia 0,30%, Partito Pirata 0,23%, Forza Nuova 0,15%, Autonomie per L’Europa 0,07% Ppa 0,02%.

Nella Capitale, dove il dato è definitivo, il Pd è il primo partito, con il 30,62%, seguito dal Carroccio, al 25,78%. Il M5S staccato a 17,58%. Stando ai dati del ministero dell’Interno il quarto partito della città è Fratelli d’Italia, con l’8,7%, più indietro Forza Italia al 5,57%. I radicali di +Europa al 4% esatto.

In Sicilia, in controtendenza rispetto al resto del Paese, il M5S si conferma il primo partito con il 31,18% delle preferenze. Ma il vero, anche in questo caso, lo fa la Lega che conquista il 20,77%. Significativo il risultato nell’isola di Lampedusa e in quella di Linosa, al centro del fenomeno migratorio, dove La Lega stravince. Il partito di Matteo Salvini ottiene il 45,85%, più del doppio del Pd che tra i candidati a Strasburgo lancia Pietro Bartolo, il medico simbolo dei migranti. Il M5s si ferma a quota 16,83%, Forza Italia all’8,23%.

In Campania fa il pieno di preferenze, 142.146 in tutta la circoscrizione dell’Italia meridionale, assessore alla Legalità della Regione Campania ed ex procurazione nazionale antimafia, Franco Roberti, candidato del Pd. A Napoli, per Roberti sono state espresse 48.788 preferenze. E’ eletto, per la prima volta al Parlamento europeo, con Giosi Ferrandino e Andrea Cozzolino del Pd, per il quale arriva la riconferma. Primo partito a Napoli, e in tutta la Campania, il Movimento 5 stelle vede la riconferma di Piernicola Pedicini, Chiara Maria Gemma, Laura Ferrara. La Lega porta dalla Campania a Bruxelles Lucia Vuolo e il Valentino Grant.

Sulla base degli scrutini in tutte le 1.573 sezioni delle Marche la Lega è il primo partito con una percentuale dle 37,98% seguito da Partito Democratico 170.596 voti 22,26%, Movimento 5 Stelle 141.239 voti 18,43%, Fratelli d’Italia 44.644 voti 5,83% e Forza Italia 42.381 voti 5,53%.

Anche in Sardegna il Carroccio è il primo partito, ma le distanze con Movimento 5 stelle e Pd sono più ravvicinate. Il partito di Salvini conquista l’isola con il 27,5%, seguito dal M5s con il 25,7% e dal Partito Democratico che si attesta al 24,2%. Staccati Forza Italia (7,8%) e Fratelli d’Italia, al 6,2%.

Milano si conferma città di sinistra, con il Partito Democratico che mantiene la leadership con il 35,97% seguito dalla Lega, che fa il pieno con il 27,39%. Quindi Forza Italia, con il 10,18%, il Movimento 5 Stelle che si ferma all’8,53%, +Europa che si mantiene sopra Fratelli d’Italia, ma non replica l’exploit di un anno fa, attestandosi al 5,33%, e infine il partito di Giorgia Meloni, al 5,16%.

Anche a livello di preferenze, il Pd batte il Carroccio: Giuliano Pisapia, capolista nella circoscrizione nord ovest, supera quota 71mila preferenze, contro le 57mila del ministro dell’Interno. Silvio Berlusconi, capolista anche lui, porta poco più di 24mila voti a Forza Italia, mentre per FdI, Giorgia Meloni arriva a 10mila preferenze. Per il M5S la più votata è l’europarlamentare uscente, Eleonora Evi, con poco più di 2mila preferenze.

La Lega è il primo partito nel Lazio, con 793.888 voti pari a una percentuale del 32,66%, seguito da Partito Democratico (578.253 voti – 23,79%), Movimento 5 Stelle (436.102 voti – 17,94%), Fratelli d’Italia (218.875 voti – 9,00%), Forza Italia (164.749 voti – 6,78%).

Successo clamoroso del partito di Matteo Salvini anche in quella che un tempo era definita l’Umbria “rossa”. A scrutinio completato, la Lega è diventata la prima forza politica con 171.458 voti pari al 38,18%. Cinque anni fa aveva ottenuto appena il 2,51% con 11.673 preferenze. Crollo invece del Partito Democratico che dal 49,15% delle Europee 2014 è passato al 23,98%.