La medicina piange Umberto Veronesi. L’oncologo è morto a 90 anni: è stato un simbolo della lotta al cancro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’oncologo Umberto Veronesi è morto a Milano, a 90 anni. Già da alcune settimane le sue condizioni di salute avevano fatto segnare un peggioramento. Avrebbe festeggiato il compleanno tra pochi giorni, il 28 novembre. La sua carriera è stata segnata dalla lotta al tumore, partendo dall’educazione dello stile di vita: è stato in prima linea nelle campagne anti-fumo, ma anche per un’alimentazione vegetariana. La Fondazione Veronesi ha lasciato un messaggio semplice e commovente: “‘Credere nella scienza significa credere nel futuro’. Per noi è un giorno tristissimo, grazie per i tuoi insegnamenti”.

Ma Veronesi è stato anche ministro della Salute dal 2000 al 2001 nel governo Amato. Inoltre,  dal 2008 al 2011 è stato senatore eletto con il Partito democratico. Ma l’oncologo ha rinunciato all’incarico politico assumendo la presidenza dell’Agenzia per la sicurezza nucleare italiana. Ma al di là di questi aspetti, Veronesi è stato un luminare dell’oncologia, che ha cercato sempre di divulgare un messaggio di speranza per i malati di tumore.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le destre a pezzi nei Comuni

In autostrada nei giorni da bollino rosso c’è meno traffico rispetto al via vai dei sondaggi sulle prossime amministrative. Nel mazzo c’è anche roba di dubbia provenienza, a uso e consumo dei candidati che commissionano (e pagano) le indagini. D’altra parte, un po’ d’ottimismo fa

Continua »
TV E MEDIA