La ministra Azzolina nel mirino degli hacker. Colpiti i social e le strutture informatiche del ministero dell’Istruzione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo le furiose polemiche politiche per la riapertura delle scuole, ci mancava solo l’attacco hacker nei confronti del ministro Lucia Azzolina. Eppure è proprio quello che è accaduto ieri quando alcuni cybercriminali hanno colpito i profili social della grillina e anche le strutture informatiche del Ministero dell’Istruzione. Un assalto che, stando a quanto trapela in queste ore, sarebbe iniziato almeno due giorni fa e che è stato denunciato alla Polizia Postale che ha immediatamente iniziato ad indagare. Attacchi portati avanti con incalcolabili richieste di cambi di password o azioni per introdursi nella gestione dei profili social e delle caselle email, che sono avvenuti proprio all’avvio del nuovo anno scolastico. Una curiosa coincidenza che, comunque, non ha intimorito la Azzolina. Anzi, con un post su twitter, la ministra dell’Istruzione ha dichiarato che “non ci spaventiamo e non ci faremo fermare neanche da questo tipo di aggressioni. Un ringraziamento alla Polizia Postale per la rapidità e la professionalità con cui sta gestendo questa vicenda”. Quel che è certo è che la Azzolina non è nuova ad attacchi simili. Già a maggio scorso la grillina è stata vittima di tentativi di hackeraggio del suo profilo Facebook e del suo conto corrente. Una vicenda avvenuta in contemporanea a gravi minacce ricevute anche attraverso messaggi di odio e insulti sessisti per i quali alla ministra è stata assegnata la scorta.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA