La Nigeria non vuole Salvini. Negato il visto sul passaporto al leader del Carroccio. E lui commenta: “Peccato, volevamo portare sviluppo”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nessun viaggio in Nigeria per Matteo Salvini. Il leader del Carroccio che sarebbe dovuto volare in Nigeria dal 29 settembre al primo ottobre è stato bloccato perché gli è stato negato il visto sul passaporto. L’obiettivo del viaggio era quello di andare nel Paese africano “per chiedere ai ministri nigeriani di che cosa hanno bisogno per evitare che i cittadini di quello stato lascino il loro Paese”. Niente da fare però. Salvini alla fine non l’ha presa malissimo: “Me ne farò una ragione ci tornerò quando avranno compreso che noi siamo qua per aiutarli. Era tutto pronto, avevo anche fatto la vaccinazione per la febbre gialla e sono stato due giorni a letto. E invece non si parte. La cosa assurda è che vengono in migliaia qui come clandestini e poi noi non possiamo andare in certi paesi”. Secondo il segretario federale non avevano capito che “volevamo portare lì sviluppo e investimenti”.