Apocalisse in Mediterraneo. Tra i 700 e i 900 morti a largo della Libia. Ora l’Europa non può più fare finta di niente

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La tragedia più grande di sempre nel Mediterraneo. Ora l’Europa non può continuare a fare finta di niente. I morti a sud della Sicilia, a largo della Libia, sono tra i 700 e i 900. Mentre proseguono senza sosta le ricerche nel Mediterraneo delle vittime e di eventuali sopravvissuti dell’ultimo terribile naufragio. Sono ventotto le persone salvate. Intorno alle 8 l’arrivo di Nave “Gregoretti” della guardia costiera a Malta per sbarcare le 24 salme, mentre arriveranno a Catania nelle prossime ore i superstiti del barcone affondato al largo della Libia. “Oggi capiremo di più su quanti erano, se effettivamente c’erano tanti bambini a bordo”, ha detto la portavoce dell’Unhcr Carlotta Sami ai microfoni di Sky Tg24.

Allarme internazionale con il segretario generale delle Nazioni unite Ban Ki-moon ha riconosciuto il “pesante impatto” sull’Italia per l’arrivo di tanti migranti ed è grato al governo italiano per tutti i suoi sforzi. Lo ha detto un portavoce Onu. Ban Ki-moon ha fatto appello alla comunità internazionale perché dimostri solidarietà e divida il peso di questa crisi. Ban Ki-moon sostiene che il Mediterraneo è diventata “la rotta più letale del mondo” per migranti e per chi cerca asilo. “La risposta della comunità internazionale deve essere globale e collettiva”.

Matteo Renzi invece ora annuncia la linea dura: “Contro gli scafisti è possibile un’operazione condivisa in Europa, ma mirata. Ci sono tutte le condizioni per farlo”. Così il premier Matteo Renzi a Rtl. Renzi propone “interventi mirati sugli scafisti, persone che vanno affidate alla giustizia. L’Italia ne ha arrestati 976, possibile lo facciamo solo noi?”. Come a dire l’Europa si svegli e ci dia una mano. Mogherini compresa.