La protesta dell’opposizione a Montecitorio. Salvini: “Salutiamo i poltronari chiusi nel Palazzo. In piazza c’è un pezzo di Italia che penso sia maggioranza e che chiede di votare”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Salutiamo i poltronari che in questo momento sono chiusi nel Palazzo e perdono ogni dignità e onore”. Ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, salendo sul palco della manifestazione promossa da Fratelli d’Italia davanti a Montecitorio, a Roma. L’ex ministro, nel suo breve saluto, ha definito vergognosi “quelli che hanno paura di confrontarsi con il voto e con la volontà popolare” e ha attaccato la stampa, che, a suo dire, sta descrivendo in queste ore una manifestazione con una scarsa partecipazione.

“Questi servi dell’informazione – ha aggiunto il leader del Carroccio – sono come quelli che si sono chiusi lì e che sono dei servi del potere. In piazza c’è un pezzo di Italia che penso sia maggioranza nel Paese che chiede di votare. Oggi è plastica – ha detto ancora Salvini – la divisione tra il Palazzo chiuso e l’Italia in piazza”.

“Se i signori là dentro proveranno a cambiare quota 100 e tornare alla legge Fornero – ha aggiunto Salvini – non li lasceremo uscire da quel Palazzo, ci staranno giorno e notte, Natale e ferragosto. Possono scappare dal voto per qualche mese ma non possono all’infinito e quando si tornerà al voto vinciamo noi. Faremo una opposizione in modo serio in Parlamento e in mezzo alla gente, da nord a sud, città per città. Mai mollare, andiamo a vincere e il 19 ottobre tutti a Roma per la manifestazione, forse a San Giovanni”.