La replica della Azzolina ai sindacati e all’opposizione: “I discorsi apocalittici non servono a nessuno. La riapertura delle scuole è una sfida che riguarda tutti”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La riapertura delle scuole è una sfida che riguarda tutti. I discorsi apocalittici non servono a nessuno: terrorizzano le famiglie e non tengono conto del lavoro che si sta facendo 24 ore su 24 per riaprire a settembre”. E’ quanto ha detto la ministra dell’istruzione, Lucia Azzolina, tornando a replicare ai sindacati e alle opposizioni sul tema della riapertura delle scuole a settembre in presenza e in sicurezza, come ha più volte ribadito la ministra. “Abbiamo già messo in campo ingenti risorse che superano i 9 miliardi di euro. E adesso – ha aggiunto l’esponente del Governo – raccoglieremo le singole necessità delle scuole: il tavolo di oggi serve sopratutto a questo”. Altro tema, oggetto di dibattito e di accese critiche nei confronti della ministra, riguarda, poi, gli spazi a disposizione per garantire le distanze di sicurezza. Su questo fronte è in corso la collaborazione tra il ministero dell’istruzione e della cultura: “Mi sono confrontata con il ministro Franceschini. Stiamo cercando delle aule adeguate per le lezioni come archivi, biblioteche, musei e anche edifici scolastici dismessi”. “A inizio settembre partirà il recupero per gli studenti rimandati” ha aggiunto Azzolina.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA