La revoca è populista. La Boschi soccorre i signori del casello. “La scelta è pericolosa. Espone gli italiani al rischio di un contenzioso miliardario”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Reggetevi forte. “Noi difendiamo l’interesse pubblico. E vogliamo una risposta politica, non populista. Se in due anni si è rifatto il ponte e non si è fatta la revoca è perché giuridicamente questa scelta è pericolosa. Espone gli italiani al rischio di un contenzioso miliardario, peraltro creando incertezza sulla gestione della rete autostradale e sui posti di lavoro”. Parola della capogruppo alla Camera di Italia Viva, Maria Elena Boschi (nella foto) che consegna a Repubblica (sarà un caso?) la sua arringa difensiva in favore dei Benetton. “Io sono perché chi ha sbagliato paghi. E la sentenza la emetteranno i magistrati in tribunale, non i populisti su twitter”. Gran finale: “Forse anche nel governo c’è chi la pensa così: facciamo la revoca, tanto le penali le pagheranno i nostri nipoti. Questo approccio è sbagliato. Serve serietà”. Appunto.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA