La ricetta giusta per la ripresa economica è copiare dai tedeschi. E Mario Carraro crede che dovremmo cogliere l’occasione delle larghe intese, ma solo se porteranno alle riforme

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Monica Setta

“È un governo necessario, non è certamente il migliore, che però può prendendo esempio da quanto successe in Germania con le larghe intese Merkel- Schröder”. Mario Carraro, numero uno della ricca holding di Campodarsego (Padova) leader nei trattori e nelle macchine movimento terra (con una diversificazione nell’elettronica di potenza e le rinnovabili), quotazione alla Borsa di Milano, stabilimenti sparsi fra America, Cina, India e Argentina, parla dell’economia facendo sovente riferimento alla Germania. Il suo ragionamento è semplice: 11 anni fa i tedeschi erano i “malati” d’Europa, poi dopo la stagione politica della Grosse Koalition che si è sviluppata fra il 2005 e il 2009, hanno rilanciato il loro sistema grazie ad una riforma del lavoro incentrata sulla flessibilità e a grandi riforme strutturali, a partire dalla scuola. “Ecco, Letta ha fatto bene con i primi provvedimenti legati all’economia, ma non sarà facile perché abbiamo un gap lungo 30 anni”, dice l’imprenditore, già leader della Confindustria Veneto, in questa intervista a La Notizia.

Ce la farà questo governo ad avere quel “respiro” necessario a modernizzare radicalmente il Paese?

“L’Italia in questa fase storica è così debole che un governo simile, fondato anche su molte energie nuove e voglia di fare, rischia per fortuna nostra di durare a lungo! Nel passato, gli esecutivi erano formati dalle solite facce che cascavano sempre in piedi. Oggi no, uno svecchiamento della classe dirigente politica con le ultime elezioni c’è stato e vedo tanti ministri giovani che hanno l’ambizione di resistere per dare un segno di concretezza alla loro azione. Il problema è che le nostre “larghe intese” non sono proprio la fotocopia di ciò che fu in Germania con Gherard Schröder e Angela Merkel. Noi abbiamo un sistema ancora fragile e una politica che non ha dimostrato finora una chiara maturità”.

Dunque dovremmo cogliere l’occasione delle “larghe intese” per prendere esempio dalla Grosse Koalition della Germania…

“Esattamente. Italia e Germania sono i due paesi più manifatturieri dell’Europa, addirittura all’inizio degli anni 2000 i tedeschi stavano quasi peggio di noi. Ma loro hanno continuato ad investire e ad internazionalizzare il sistema industriale mentre le aziende italiane sono ancora a tecnologia bassa e piccole. Ho letto nei giorni scorsi uno studio del professor Giacomo Vaciago, secondo cui dal 2009 ad oggi il sistema manifatturiero italiano ha perso il 12% rispetto alla Germania; il debito sale, la produzione industriale scende e la disoccupazione aumenta fino al 50% nel Mezzogiorno. Eppure mai come ora con un governo sostenuto da centro destra e centro sinistra, sarebbe possibile realizzare quelle riforme essenziali per far ripartire la nostra economia.

Basterà togliere l’Imu sui capannoni per ridare fiato all’economia industriale?

“Non è solo questo, vanno bene i provvedimenti urgenti perchè in questa fase c’ė bisogno di immettere liquidità nel sistema, ma poi bisogna affrontare il problema in modo più organico. Si sta affermando l’idea che il “ rigorismo” uccide l’economia, ne blocca lo sviluppo congelando i consumi. La politica economica del nuovo governo saprà tenere conto del necessario equilibrio fra rigore e sviluppo anche perchè i fattori macro economici previsti per il 2014 cominciano ad essere positivi”.