La Severino come una bomba a orologeria. L’ex guardasigilli rompe il silenzio proprio alla vigilia del voto della giunta sulla decadenza di Berlusconi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

da Liberoquotidiano.it

‘Ma dov’è finita la Severino?’ ci si è chiesti per settimane, mentre il nome dell’ex ministro della Giustizia appariva tutti i giorni in almeno una dozzina di articoli su tutti i giornali. E’ dal 1 agosto che la legge che porta il suo nome viene osannata, criticata, dileggiata, misconosciuta, vivisezionata. E lei niente. Sparita nel nulla. Non una parola, non un commento. Un fantasma. Fino a oggi, quando, preceduta dall’attuale guardasigilli Anna Maria Cancellieri, la Severino ha deciso di rompere il silenzio. Per dire (non che ci si aspettasse qualcosa di diverso) che “la legge sull’incandidabilità dei condannati a pene superiori a due anni è stata approvata al termine di un lungo e accurato approfondimento”. Sulle accuse di presunta incostituzionalita’ della norma l’ex Guardasigilli ha aggiunto che “quando si fa una legge, si crede a quello che si fa e allora noi eravamo tutti d’accordo. Adesso la sua applicazione spetta al Parlamento, mi sembra inopportuno intervenire”.