La storia raccontata da Ruffo è tridimensionale. L’artista espone uno spaccato della realtà contemporanea in uno degli spazi più belli della Sicilia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dal 3 aprile a Catania, nella sede della Fondazione Puglisi Cosentino, è esposta Breve storia del resto del mondo, l’ampia personale di Pietro Ruffo, a cura di Laura Barreca. La mostra, allestita in uno dei più affascinanti spazi museali in Sicilia, propone uno spaccato della realtà contemporanea, attraverso gli occhi e la sensibilità di un artista dalla spiccata personalità. Una spettacolare sequenza di opere di grandi dimensioni realizzate dall’artista dal 2005. Una sorta di viaggio visivo sul concetto universale di libertà. “La forza di Ruffo – è il pensiero di Emmanuele Emanuele, presidente della Fondazione Terzo Pilastro Italia e Mediterraneo – consiste nell’utilizzare tutti gli elementi propri della sua formazione di architetto, il progetto, la carta, il disegno, per dar voce con opere tridimensionali, ai grandi temi della storia, come la libertà e la dignità dell’essere umano costantemente minacciate dalle insidie del mondo di oggi”.