La svolta buona di Renzi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La svolta buona come messaggio iniziale. Così il premier Matteo Renzi ha intitolato il suo mercoledì da leoni.
«1000 euro netti all’anno a chi guadagna meno di 1500 mila euro al mese»: è quanto arriverà agli italiani grazie alle misure del governo. Le misure fiscali, sul cuneo, «saranno in vigore dal primo di maggio».

«Ho provato a fare avere i soldi in busta paga prima delle elezioni, ma sono stato respinto con perdite. Per noi è evidente che mettere in tasca mille euro in più aiuta la propensione al consumo ma è anche una misura di attenzione, di equità ed è frutto di una politica che dà il buon esempio. Un’operazione che definirei di portata storica».

Cuneo fiscale e ritocco delle buste paga entro il primo maggio

«Il taglio al cuneo fiscale riguarderà 10 milioni di italiani che prenderanno 10 miliardi di euro: 80 euro netti in busta paga. Il limite su cui noi ci attestiamo sono 25 mila euro lordi, circa 1.500 euro netti. I destinatari del nostro intervento non sono solo i ceti meno abbienti, ma anche un po’ di ceto medio».

«La copertura di questi 10 miliardi è totalmente fatta dal governo sulla base del risparmio di spesa, dei numeri macroeconomici generali che vi indicherò ma senza aumento della tassazione».

Irpef, Irap, spread e spending review

«La spending è uno strumento che secondo i dati di Cottarelli arriva nel 2016 a valere 35 miliardi, nel 2015 vale 19 miliardi e nel 2014 sette miliardi. Cottarelli ha parlato prudenzialmente di 3 miliardi».

«Mantenendo il limite del 3% del deficit, abbiamo un margine di 6 miliardi». Così il premier Matteo Renzi ha aggiunto che «noi abbiamo margini nel rapporto al 3% dello 0,4% visto che siamo al 2,6%».

«Per rimanere al debito dello Stato si vede un abbassamento del costo: il debito è calcolato su uno spread a 250 punti base. Se lo calcoliamo a 200 punti c’è un margine di 2,2 miliardi».

«Dal primo di maggio si riduce l’Irap alle aziende private del 10% e questa operazione non sta nei 10 miliardi del cuneo: l’operazione si finanzierà con l’aumento della tassazione sulle rendite dal 20 al 26% (2,6 miliardi)».

«La stragrande maggioranza degli imprenditori, comunque, dice “fai benissimo” a mettere i soldi in tasca dei lavoratori. Ma noi ci occupiamo dei costi delle imprese, dal primo maggio i costi Inail saranno di 1 mld in meno, una legge del governo precedente ma che noi attuiamo».

Il piano casa

«Il Cdm ha approvato il piano casa che avrà un impatto di 1,7 miliardi».