La Toscana volta le spalle a Renzi. Approvata la mozione M5S contro l’Arabiagate. Hanno votato No Italia viva e Forza Italia. Astenuti Lega e Fdi. Il Pd si è spaccato: in 8 non hanno votato

MATTEO RENZI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dura presa di posizione del Consiglio regionale della Toscana nei confronti del senatore Matteo Renzi, leader di Italia Viva. In pratica il parlamentino toscano prende le distanze dal recente viaggio in Arabia Saudita del senatore fiorentino. Vediamo cosa dice la mozione, presentata dal Movimento 5 Stelle ed emendata (con un certo imbarazzo dal Pd), approvata dal Consiglio a maggioranza: “Il presidente Eugenio Giani e la Giunta regionale della Toscana devono prendere le distanze da tutti quei paesi in cui vengono violati i diritti umani, tenute le donne in condizione di subalternità e devono dissociarsi dalle posizioni di plauso di Matteo Renzi, leader di Iv, al regime saudita, rinnovando l’adesione della comunità toscana ai principi di tutela delle libertà civili e politiche e ribadendo l’impegno della Regione Toscana sul tema dei diritti delle donne”. Ovviamente Italia Viva ha votato contro, insieme a Forza Italia. I consiglieri di Lega e Fratelli d’Italia si sono astenuti. Nel Pd otto non hanno votato: oltre a Giani e al presidente del consiglio regionale Antonio Mazzeo, altri sei consiglieri dem non hanno votato.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA