La vergognosa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Di Gaetano Pedullà

L’Italia in vendita è solo una faccia di questa crisi che vede la politica nazionale, le istituzioni europee e la grande finanza internazionale come mandanti ed esecutori di uno dei più grandi furti della storia. I nostri marchi più noti espugnati uno a uno da gruppi che ci daranno pure un po’ di investimenti, ma poi si porteranno indietro tutti gli utili.

Per il nostro Governo va bene così, purché i conquistatori presentino piani industriali credibili. Una visione di corto respiro, che la dice lunga sull’emergenza occupazionale che viviamo e sulla mancanza di una strategia economica. L’altra faccia di un’Italia che non crede più in se stessa è invece quella dei grandi gruppi che stanno portando le sedi legali e fiscali all’estero. Gruppi che hanno fatto utili giganteschi in virtù di decenni di aiuti di Stato, come la Fiat – pardon, adesso Fca – o grazie a concessioni che hanno spolpato milioni di italiani, e qui è il caso dell’ex Lottomatica.

La società controllata dalle famiglie Drago e Boroli attraverso la De Agostini ha preferito spendere 4,7 miliardi per comprare l’International Game Technology – un colosso del gioco – e con questa scusa trasferire la sede fiscale nel Regno Unito, dove sorgerà una nuova società che incorporerà le attività italiane e americane. Via, in fuga da questo Paese, e persino dalla nostra Borsa che con questo trasloco ha perso in un colpo solo 3 miliardi di capitalizzazione. I titoli della nuova società saranno infatti quotati a Wall Street, come quelli della Fiat. Sono i mercati globali, può dire qualche ingenuo. Ma la verità è che l’Italia è un Paese senza regole e controllori. L’ideale per fare affari. O per scappare dopo averli fatti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA