La versione di Fontana. Nessuno sbaglio nelle case di riposo. Il governatore scarica tutto sull’Ats: “Doveva controllare che vi fossero le condizioni necessarie”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Credo proprio che non abbiamo assolutamente sbagliato niente”. E’ quanto ha detto alla Tgr Lombardia il governatore Attilio Fontana a proposito delle inchieste in corso sui decessi e sui ricovero nelle case di riposo di pazienti positivi al Covid-19. “Abbiamo fatto una scelta – ha detto Fontana -, l’Ats doveva controllare le condizioni delle delibera, ossia l’isolamento in singoli reparti e dipendenti dedicati esclusivamente a quei pazienti, e, sulla base delle risultanze tecniche, abbiamo portato avanti il provvedimento”. Alla domanda se rifarebbe le stesse cose,  il presidente della Regione Lombardia a risposto: “Certamente, in quel periodo drammatico che stavamo vivendo. Abbiamo liberato posti in ospedale”.

“Aspetto con estrema serenità l’esito dell’indagine sulle Rsa” ha detto Fontana a Mattino Cinque. “La scelta – ha aggiunto il governatore – non è stata fatta per fare spettacolo ma perché non avevamo più posti negli ospedali, i nostri tecnici hanno valutato le condizioni delle case di riposo e noi ci siamo fidati. L’Ats è responsabile: si è recata sul posto e ha valutato se ci fossero le condizioni, peraltro sono pochissime le case di riposo che avevano aderito alla nostra proposta: su 705 in Lombardia, solo 15 avevano le condizioni e hanno accettato. I dati di queste 15 sono in linea, anzi leggermente sotto alla media. Rispetto a Bergamo, per esempio, sono molto sotto. Rispetta alla media, sono vicine, ma sotto. La responsabilità del controllo è dell’Ats, che si è recata sul posto per verificare che vi fossero le condizioni necessarie”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA