L’acqua alta

Di Gaetano Pedullà
Senza categoria

Di Gaetano Pedullà

Gli zozzoni vadano in galera. Se vogliamo cambiare questo Paese, la prima riforma sta proprio qui. Chi ruba, chi abusa di un ruolo politico o amministrativo deve sapere che lo Stato c’è. E non guarda in faccia a nessuno. A fare giustizia però deve essere Lo Stato, applicando la legge. Tutta la legge, non solo quella parte che asseconda i teoremi delle Procure o gratta la pancia a un’opinione pubblica indignata e forcaiola. Così ieri abbiamo assistito a una pagina buia per il nostro Diritto.

Il Parlamento ha autorizzato l’arresto per Giancarlo Galan, accusato di aver preso mazzette legate alla costruzione del Mose a Venezia. Una decisione che – piaccia o no – stravolge la legge. Il nostro ordinamento prevede infatti in modo chiaro che l’arresto preventivo di un cittadino – sia deputato o meno è irrilevante – possa essere disposto come misura estrema e solo nel caso l’indagato possa fuggire, reiterare il crimine o inquinare le prove.

Adesso siccome è improbabile che Galan ricoverato con le gambe a pezzi scappi, è ancora più improbabile che possa prendere nuove tangenti e le prove (o presunte tali) sono state ampiamente fornite dai magistrati al Parlamento, l’arresto di quest’uomo – che ci faccia simpatia o meno – è una forzatura alla quale la Camera si è piegata senza alcuno spirito di contrapposizione con la magistratura. La giustizia così ha lasciato il posto al giustizialismo. Una cosa ben diversa e di fronte alla quale i cittadini non sono più tutti uguali, ma si dividono in coloro che possono condannare, con i propri supporter, e chi può essere solo condannato. Il Diritto, insomma, sommerso peggio che sotto l’acqua alta di Venezia.