Lacrime di cocco-Guidi. L’ex ministro si sarebbe accorta che il compagno la stava usando

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Due donne, unite da una stessa storia (e stesse intercettazioni) ma divise – almeno a oggi – nel destino. Se infatti Maria Elena Boschi è stata ascoltata come persona informata dei fatti a Palazzo Chigi (pare alla fine le domande del procuratore Luigi Gay siano durate, aldilà dei convenevoli, solo un quarto d’ora), giovedì sarà il turno dell’ex ministro Federica Guidi. Ed è proprio la sua situazione che nelle ultime ore potrebbe diventare più delicata. Dalla lettura di alcune telefonate, infatti, sembra a un certo punto accorgersi – come rivela Repubblica – che il fidanzato aveva messo la sua posizione a disposizione di altri interessi. Tanto da scoppiare in lacrime in un colloquio con il compagno, registrato dalla Polizia di Potenza. Di questo e di altro – gli incontri con la Total alla vigilia dell’inserimento nella lista delle aziende fornitrici da parte delle società di Gemelli, le pressioni per l’emendamento – verrà chiesto conto all’ex ministro qualora decidesse di rendersi disponibile ai quesiti dei magistrati.

Ha risposto invece a tutte le domande ieri Maria Elena Boschi in una conversazione con i magistrati che è durata, formalità a parte, non più di un quarto d’ora, come detto. Al centro dell’incontro l’ormai famosa intercettazione nella quale la Guidi diceva a Gemelli: “E poi dovremmo riuscire a mettere dentro al Senato se… è d’accordo anche “Mariaelena”. Di quella particolare “intesa” si è chiesto conto ieri alla Boschi che ha in qualche modo rivendicato, come fatto già pubblicamente da Renzi, la responsabilità di quell’emendamento. Sostenendo di non aver subito però alcuna pressione: così come dimostra l’iter parlamentare, ha detto il ministro, dopo che l’emendamento era stato ritenuto inammissibile in commissione in Legge di stabilità, ha deciso di riproporlo a nome di tutto il Governo perché ritenevano cruciale il progetto Tempa Rossa.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA