Un risparmio di 180 euro l’anno. Ecco quanto si risparmierebbe con l’addio alla tassa sulla prima casa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Se davvero Matteo Renzi riuscisse a portare in porto la sforbiciata fiscale con l’addio all’imposta sulla prima casa a partire dal 2016 il risparmio medio sarebbe di 180 euro annui, che salirebbe a 230 euro nelle città capoluogo di provincia. Nel dettaglio, le cifre calcolate dal servizio territoriale della Uil, evidenziano un risparmio di 15 euro al mese. Una mossa che andrebbe a incidere positivamente su 25,7 milioni di proprietari di prima casa. Il risparmio maggiore verrebbe registrato a Torino (403 euro in media a famiglia), poi c’è Roma (391 euro) e Siena (356 euro). Le città dove invece il risparmio inciderebbe in maniera minima sono Asti (19 euro), Ascoli Piceno (46 euro) e Crotone (51 euro). Il risparmio dovrebbe essere proprio quello sopra citato. Perché se due indizi fanno una prova, cifre molto simili emergono dai dati elaborati da Nomisma: “Lo sgravio che una simile riforma garantirebbe al 76,6% di famiglie che vive in una casa di proprietà non supererebbe i 17 euro al mese, vale a dire poco più di un quinto del bonus di 80 euro introdotto a partire da maggio 2014 per quei lavoratori dipendenti e assimilati che guadagnano fino a 26mila euro”