Lagarde negligente. Condanna per il direttore del Fondo monetario. I fatti si riferiscono a quando era ministra

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Condanna per Christine Lagarde. Il direttore del Fondo monetario internazionale ha incassato lo schiaffone dalla Cour de justice de la République, il tribunale dei ministri di Parigi, per “negligenza” nel caso dell’arbitrato Adidas/Tapie. I fatti si riferiscono a quando Lagarde era la ministra dell’Economia di Nicolas Sarkozy. Il procuratore aveva chiesto l’assoluzione ma i giudici hanno detto no.

Lagarde, nella sua difesa, sosteneva di aver “sempre agito per l’interesse generale”. L’ex ministra potrebbe anche non ricorrere visto che è stata dispensata dalla pena che poteva arrivare ad un anno di carcere e comprendere 15mila euro di sanzione. L’accusa era quella di “negligenza” che ha portato a consentire un risarcimento significativo all’imprenditore francese Bernard Tapie. Entrando nel dettaglio dei fatti si fa riferimento a quando la banca pubblica Credit Lyonnais comprò il noto marchio di prodotti sportivi Adidas dall’imprenditore ed ex ministro socialista Bernard Tapie per 315 milioni e mezzo di euro. L’anno successivo la banca cedette la società al doppio del suo valore iniziale, 701 milioni di euro. Di lì la denuncia di Tapie che sentendosi truffato ha fatto ricorso alla Giustizia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA