L’alleanza Calenda-Renzi e la truffa del Terzo polo: così i giornaloni manipolano la realtà

L’alleanza Calenda-Renzi e la truffa del Terzo polo: nato per ultimo e in coda nei consensi, ma per i giornaloni è avanti ai 5 Stelle

Il sistema partitico italiano, tralasciando i gruppi minimi, è così composto:

CALENDA RENZI INCONTRO PD ELEZIONI EUROPEE

1) Pd + alleatini (SI, Verdi, +Europa). Sono neoliberisti in economia (detti anche ordoliberisti), perseguono dichiaratamente la fantomatica agenda del turbobanchiere Draghi, sono favorevoli alla tecnocrazia europeista, sono globalisti, filo americani, filo Nato, e si fanno chiamare Sinistra.

2) FdI, Lega e FI + cespugli alleati. Sono neoliberisti in economia (detti anche ordoliberisti), perseguono senza dichiararlo la fantomatica agenda del turbo banchiere Draghi, sono favorevoli alla tecnocrazia europeista, sono globalisti, filo americani, filo Nato, e si fanno chiamare Destra.

3) Azione-Italia Viva, ossia Calenda e Renzi. Sono neoliberisti in economia (detti anche ordoliberisti), perseguono dichiaratamente la fantomatica agenda del turbo banchiere Draghi, sono favorevoli alla tecnocrazia europeista, sono globalisti, filo americani, filo Nato, e si fanno chiamare Centro.

4) Movimento 5 Stelle: sono socialisti senza saperlo, sono ecologisti, sono diffidenti o apertamente ostili nei confronti di neoliberismo, consumismo, globalismo, Nato, America e tecnocrazia europeista. Si fanno chiamare Movimento.

Come si vede, le ripartizioni sono quattro, di cui le prime tre di fatto identiche, con alcune differenze, quasi trascurabili, nel campo dei diritti civili (ius scholae, ius soli, diritti Lgbt, immigrazione e poco altro). Prima che nascesse il connubio Calenda-Renzi erano tre. Quest’ultimo cartello elettorale avrebbe dovuto quindi essere denominato “quarto polo”. Invece tutta la stampa e tutte le tv, concordemente, l’hanno definito il “terzo polo”.

La manipolazione dei media

La ragione? Una evidente manipolazione lessicale al fine di obliterare, cancellare, annullare, nascondere, minimizzare, annichilire la presenza del vero terzo polo, quello del Movimento 5 Stelle, che fa paura al sistema dei massmedia (o meglio ai suoi padroni) perché rappresenta l’unico raggruppamento “fuori dal sistema” se non addirittura “anti sistema”.

E sì che il Movimento, anche dal punto di vista numerico, non è trascurabile, anzi è certamente superiore a quello del duo Calenda-Renzi. Inoltre è guidato dall’unico homo novus della politica italiana, Giuseppe Conte, che per tre anni, con alleanze variabili e grande abilità manovriera, è stato capo del governo in tempi tempestosi di crisi e pandemia, conseguendo risultati che gli sono stati riconosciuti ovunque all’estero. Dunque, per concludere, Movimento e Conte rappresentano una realtà che – normalmente – non potrebbe essere ignorata e invece – truffaldinamente – è oscurata dal sistema dei massmedia. Ergo, la definizione di “terzo polo” per il rabberciato cartello elettorale centrista equivale a un falso. È una fake news, un’impostura, una manipolazione a fini di propaganda.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 21:08
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram