Lavoravano nei campi ma pagava lo Stato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

I carabinieri del Comando Provinciale di Bari dopo articolate indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari e svolte anche con la collaborazione degli ispettori della direzione provinciale pugliese dell’INPS, hanno scoperto una mega truffa per un danno complessivo alle casse dello Stato di oltre 10 milioni di euro. Centinaia di controlli svolti in tutta la Provincia hanno permesso di accertare che alcune società operanti nel settore agricolo avevano fittiziamente assunto un totale di 831 braccianti, attraverso false attestazioni di posizioni lavorative inesistenti inducendo in errore l’Inps che ha provveduto, nei vari anni, ad erogare prestazioni assistenziali non dovute,quali la disoccupazione, la malattia, la maternità e gli assegni familiari, producendo un danno milionario all’Erario.

Per un centinaio di loro è scattata anche l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alle truffe ai danni dello Stato. Si tratta, oltre che di singoli braccianti agricoli, di mediatori,imprenditori del settore agricolo e commercialisti che, a vario titolo, avevano messo in piedi il meccanismo di truffa che ha interessato, oltre la provincia di Bari, anche il sud foggiano e le province di Brindisi, Taranto e Matera.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA