Le agromafie valgono 24,5 miliardi. Sulla pelle dei contadini-schiavi. Sono 400mila gli agricoltori che lavorano in nero. Le denunce salgono, ma la prevenzione è ferma al palo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Basilicata alla Sicilia passando per la Capitanata, fin su al Nord nelle campagne insospettabili della Pianura Padana. La piaga del caporalato coinvolge, anche se con profili e modalità diverse, tutta Italia. L’ultimo inquietante ritratto, d’altronde, arriva dal dossier di Medici Senza Frontiere: in Basilicata – e più precisamente nel Metaponto – vivono più di 2mila migranti nell’inferno delle baraccopoli. Un quadro allarmante in cui il diritto alla salute è negato. La maggior parte dei migranti visitati, infatti, presentava condizioni mediche problematiche legate alle difficili condizioni di lavoro e di vita. Meno di metà di loro aveva una tessera sanitaria e dunque la possibilità di accedere a cure mediche nelle strutture pubbliche.

Ma questa piaga è, purtroppo, generalizzata. Nonostante gli ottimi risultati raggiunti in tema di contrasto grazie alla legge anti-caporalato approvata nel 2016. Nel primo semestre 2019 sono state denunciate per caporalato e sfruttamento dei lavoratori 263 persone, 59 delle quali arrestate, più del triplo rispetto alle 80 dell’analogo periodo del 2018, con una incidenza del fenomeno che si è confermata prevalente (147 denunce) nel settore agricolo. In forte aumento anche i recuperi contributi risultanti dall’attività di vigilanza previdenziale e assicurativa, passati da 351 milioni euro a 530 milioni, con un incrementi di più del 43 per cento. Quello che manca, però, è la prevenzione.

E così, al di là delle sanzioni, la piovra delle agromafie continua ad allargarsi. Spaventosamente. Secondo l’ultimo studio (pubblicato a febbraio 2019) dell’Eurispes, il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno con una crescita che sembra non risentire della stagnazione dell’economia italiana e internazionale, immune alle tensioni sul commercio mondiale e alle barriere circolazione delle merci e dei capitali. A patire gli interessi di pochi, ovviamente, sono i tanti schiavi. Italiani e non.

Stando al rapporto dell’Osservatorio Placido Rizzotto (Cgil) parliamo di un esercito di circa 400.000 persone in tutta Italia, di cui circa 100.000 (prevalentemente stranieri) costretti a subire forme di ricatto lavorativo e a vivere in condizioni fatiscenti. Già, perché il caporalato in agricoltura ha un costo – ovviamente sottostimato – per le casse dello Stato anche in termini di evasione contributiva non inferiore a 420 milioni di euro. L’emergenza che nasce sull’emergenza.