Le Borse ripartono dopo il calo di ieri

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Avvio positivo per le Borse europee, che tentano di rialzare la testa dopo la debolezza delle ultime sedute. A incoraggiare gli ordini in acquisto sono stati anche i dati provenienti dalla Cina, con il pil che nel secondo trimestre ha vantato un rialzo del 7,5% su base annua. La produzione industriale, inoltre, a giugno e’ balzata in avanti del 9,2%. Sulle prime battute Milano sale dello 0,64%, Parigi dello 0,56% e Francoforte dello 0,33%. Bene anche Madrid (+0,49%) e Londra (+0,31%)

A Piazza Affari sono premiate le azioni di Gtech (+2,7%), nel giorno in cui la societa’ ha annunciato di aver sottoscritto un accordo per la fusione con International Game Technology, leader globale nel settore dei casino’ e del social gaming con sede a Las Vegas. Igt e Gtech confluiranno in una holding di nuova costituzione di diritto inglese (NewCo). Per ogni di Gtech verra’ assegnata una nuova azione ordinaria di NewCo. Il valore complessivo dell’operazione e’ di circa 6,4 miliardi di dollari, ossia 4,7 miliardi di euro. Vanno bene le banche, fatta eccezione di quelle di Mps rimaste al palo. Telecom Italia svetta con un rialzo quasi pari al 4%. Fuori dal pe’aniere principale, i titoli della Juventus lasciano sul parterre oltre il 3%, dopo l’addio a sorpresa dell’allenatore Antonio Conte. Sul mercato Aim volano di oltre il 5% le azioni della matricola Lucisano, nel giorno del debutto

L’euro, intanto, continua a passare di mano sotto la soglia di 1,36: vale e 1,3559 dollari (ieri 1,3571). La divisa passa inoltre di mano a 137,82 yen (137,92), mentre il dollaro-yen si attesta a 101,65 (101,63). Risale la china il prezzo del il petrolio: il future agosto sul wti guadagna mezzo punto percentuale e cosi’ si attesta a 100,49 dollari al barile

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA