Le prime pagine del 22 luglio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

La Notizia. In apertura: “Crisi Ucraina anche l’Italia paga caro”. L’editoriale di Angelo Perfetti: “Quelle bombe volute dai leader”. In alto: “Natanyahu alza il tiro. Colpito pure un ospedale”. In alto: “Vento e fulmini sulla nave maledetta”. A lato: “Troppo ostruzionismo, slitta l’inizio delle votazioni”.

Il Corriere della Sera. In apertura: “Così è stato colpito l’aereo”. Editoriale di Massimo Franco: “La democrazia non è a rischio”. Al centro: “Si ferma anche la Germania. Nuovi timori dell’Europa”. Sempre al centro: “Israele si difende. I torti non sono sullo stesso piano”.

La Repubblica. In apertura: “Modifiche record e voto segreto. Riforme in bilico”. Accanto con foto: “Gaza, nessuno ferma la guerra le bombe fanno strage in ospedale”. In basso: “Obama accusa Putin: voglio la verità sull’aereo”.

La Stampa. In apertura: “Ucraina, Obama avverte Putin ‘Sull’aereo vogliamo la verità’”. Taglio alto: “Eterologa, nel 2015 le prime tre nascite”; “Tornano dalle ferie con 70 chili di eroina”; “Concordia, il giallo del falso comandante”. Al centro: “Blitz contro Israele dai tunnel all’alba la battaglia nel kibbutz”.

Il Fatto Quotidiano. In apertura: “Gli italiani vogliono scegliere. La Boschi insulta: ‘Bugiardi’”. L’editoriale di Marco Travaglio: “I Severinos”. Al centro: “La speranza non abita più a Gaza. Strage infinita: 650 vittime”. In basso: “Obama sfida Putin: ‘Verità sul Boeing’”.

Il Sole 24 Ore.In apertura: “Industria ancora al palo, frena la domanda estera”. L’editoriale di Ugo Tramballi: “Quella via possibile di uscita dal conflitto”. Sotto l’apertura:”Crescita tedesca azzerata. Borse in calo: Milano -1,5%”.

Il Messaggero. In apertura: “Allarme riforme, tempi stretti”. Di spalla: “Gaza, razzo colpisce un ospedale”. Al centro: “Obama sfida Putin: non blocchi le indagini. I russi: il jet abbattuto da un caccia di Kiev”. Sempre al centro, in un box: “L’industria rallenta piano del governo per il made in Italy