Le prime pagine del 23 giugno

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le prime pagine del 23 giugno

Il Corriere della Sera. In apertura: “Senato, frenata sull’immunità”. Editoriale di Antonio Polito: “Pompei, Italia: ultima vergogna”. Al centro con foto: “Immobile e Balotelli, Italia all’attacco”. A fianco: “Sanità, rapporto sul deficit. Tagli a farmaci e personale, ora migliorano i conti”. Nel taglio basso: “Più api nei campi, la missione di Obama”.

La Repubblica. In apertura: “Immunità al Senato, è polemica nel Pd ma la norma resta”. Di spalla: “La scomunica coma arma contro l’eresia criminale”. Al centro con foto: “Roma pazza per gli Stones (e il sindaco litiga sui soldi)”.

La Stampa. In apertura: “Un miliardo per lo sblocca Italia”. Al centro con foto: “Nonni, figli, nipoti: in 70mila per i Rolling Stones”.  L’editoriale di Marcello Sorgi: “L’eterno balletto dell’immunità”. Nel taglio basso: “Litigi e bicchieri rotti, azzurri divisi alla meta”.

Il Fatto Quotidiano. In apertura: “Abusi sessuali, disonore delle armi”. Di spalla, Marco Travaglio: “Ma mi faccia il piacere”. In alto: “Con l’Uruguay si cambia: l’Italia è con due punte” e “‘Un’operazione al cuore per zittirmi sul Mose'”. In basso, l’editoriale di Ferruccio Sansa: “Gli uomini che fanno paura alle donne”.

Il Sole 24 Ore. In apertura: “Università, Trento e Verona al top”. A destra, in alto: “Sanzioni da ‘patto’: ecco perché i comuni non pagano le fatture”. Al centro: “’Precompilati’ a caccia di dati”, e sotto: “Marche, dove le tasse non rendono più”.

Il Messaggero. “Renzi: ‘Basta turbofinanza, ora politica industriale’”. Al centro, con foto: “Rolling Stones, il rock al Massimo. E’ polemica sugli incassi per Roma”. Di spalla: “Il business e le oligarchie del calcio globalizzato”. Nel taglio basso: “Maturità, ultima prova scritta, sul web i trucchi per copiare”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA