Le prime pagine dell’11 aprile

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le prime pagine dell’11 aprile

La Notizia. In apertura : “Berlusconi finisce tra i vecchietti”. Servizi sociali sempre più vicini per l’ex premier, intervista a Vittorio Sgarbi. L’editoriale di Gaetano Pedullà: “Questo nuovo Piazzale Loreto è un errore”. Nel taglio basso “Ennesima grana per formigoni”. Nei due box Mastella rinviato a giudizio per associazione a delinquere  e la bufera sulle candidature rosa del Pd. Nel box in taglio alto “La vita di Karol diventa un musical”.

Corriere delle Sera. In apertura: “Berlusconi ai servizi sociali” La Procura dice sì alla difesa, sollievo dell’ex premier.  Editoriale di Angelo Panebianco: “Dieci anni dopo come un secolo”, che tratta della sentenza della Corte Costituzionale sul divieto di fecondazione eterologa. Taglio alto a destra: “Colpo a Formigoni. Sequestrati i conti”.  Taglio centrale a destra: “L’addio di Befera a maggio, l’Agenzia delle Entrate si fonderà con Equitalia”. Taglio centrale con foto: “Yara, c’è il Dna ma non il colpevole”. Taglio basso dedicato alla sentenza di Grosseto sulle nozze Gay: nell’articolo “Io e Giuseppe, una storia normale” il giornalista Stefano Bucci racconta la sua convivenza.

La Repubblica.  In apertura: “Berlusconi si salva dai domiciliari, ‘evitata una guerra’”. Di spalla Bernardo Valli: “La nostalgia imperiale di Zar Putin”.  Al centro: “Manovra bis nel 2015 4,8 miliardi di tagli e tasse”. Taglio basso: “L’ultima truffa di Big Pharma, il farmaco inutile costato 3 miliardi” e “Il fisco spolpa gli autombilisti, tra province e Aci un terzo dei costi”. In un box: “Quando Wojtyla mi confessò: vorrei dimettermi da Papa”.

La Stampa. In apertura un’intervista a Poletti: “Un contratto per ridare lavoro ai cinquantenni”. In alto a sinistra: “Prende la pillola abortiva e muore in ospedale, in Italia è il primo caso”. In alto a destra: “Yara, svelato il killer ma non ha un nome”. Di spalla: “Alitalia-Etihad”, passo avanti: vertice decisivo a Palazzo Chigi”. Nel taglio centrale con foto, la censura russa sulla radio: “Putin spegne la ‘voce d’America'”. Taglio centrale a destra: “Per Berlusconi i servizi sociali, potrà fare campagna elettorale”. Sempre nel taglio centrale, nei box,  “Formigoni: sequestrati beni per 49 milioni” e “Dell’Utri da ieri è latitante”. In basso, il Buongiorno di Massimo Gramellini, che oggi titola: “Muro di comma”.

Il Fatto Quotidiano. Apertura:  ”Sivio farà il badante, ma sarà sempre in tv”. L’editoriale di Marco Travaglio: “Il rieducando rieducatore”. Al centro: “Montecitorio, quasi un agente per deputato” e “Pd, le capolista rosa e il gran rifiuto di Emiliano e Nicolini”. Box  in basso: “Il sottosegretario e i quadri scippati ai musei’”.

Il Sole 24 Ore. In apertura: “BoT, tassi ai minimi storici”. Editoriale di Fabrizio Galimnerti: “Se l’Europa parla ancora di futuro”. Di spalla ”Berlusconi, il Pg dice sì “all’affidamento in prova”. Al centro: “Irpef, tutti i risparmi in busta paga”. In un box: “La sovranità impossibile dei nuovi nazionalisti”.

Il Messaggero. In apertura: “Berlusconi, sì ai servizi sociali”. L’editoriale di Alessandro Ciampi: “La parabola del leader e l’eredità da salvare”. In un box: “Formigoni, sequestrati 49 milioni e la villa in Sardegna. Lui: non è mia”. Al centro la cronaca con foto: “Il giallo di Yara, killer figlio dell’autista”.
A fianco: “Alitalia, si stringe l’accordo con Etihad. Renzi vede Hogan”. In basso: “Sulle nozze gay da registrare è battaglia legale”.

Il Tempo. Il quotidiano apre ancora sulla vicenda di Berlusconi: ”Silvio avrà il permesso disabili”.
L’editoriale di Giuseppe Rossodivita: “Dal paradosso alla grazia”.
In basso due box:  ”Spending Review Rai. E Gubitosi resta al top” e il caso Atac “Improta ai sindacati “Ci sono 323 esuberi””.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA