Le zingare ladre di Mattino 5 guadagnano più di Marina Berlusconi. Mille euro netti al giorno tra furti e borseggi. Un compenso che i manager pubblici si sognano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

E perché dovrei andare a lavorare? Per mille euro al mese? Con scippi e borseggi guadagno mille euro al giorno. La zingarella intervistata da Mattino 5 ha ben chiara la visione del business. è le donne che porta a casa uno stipendio annuale netto (e in nero) tra i più alti d’Italia. Rubando tutti i giorni la minorenne si mette in tasca oltre 350 mila euro l’anno, al netto delle tasse (che ovviamente non paga). Più di quanto guadagna Marina Berlusconi a Mondadori (515 mila lordi è il suo stipendio annuo per la carica di presidente, ma la metà se ne va in tasse). Ovvio poi che Marina recupera con gli altri incarichi che ricopre. A cominciare da Fininvest, per poi proseguire con i suoi gioielli di famiglia, altrimenti pensate che smacco finire in classifica dietro le zingarelle di Mattino 5.

IL TETTO
Chissà se anche tra gli zingari esiste un tetto ai compensi. Del tipo ho raggiunto mille euro, mo’ basta. Mi fermo. Mica posso fare gli straordinari anche da ladra. Dopo una dozzina di borseggi andati a segno mi devo riposare. C’è un limite sindacale. Altrimenti la Camusso dei Rom borbotta. Chi invece il tetto (e non dentro i campi nomadi) ce l’ha sul compenso, sono i manager pubblici delle società non quotate. I 240 mila euro lordi, a esempio, sono lo stipendio annuale dei dirigenti di aziende come Rai (fino all’emissione dei bond poi potrà svincolarsi), Poligrafico, Consap, Sogei. Morale della favola: le zingarelle guadagnano più del doppio di tutti i più importanti vertici della Rai. Da Gubitosi a Orfeo. Da Leone a Maggioni e Berlinguer. Per fortuna che ci sono i contratti degli artisti come Fabio Fazio, Carlo Conti e Antonella Clerici a dare uno schiaffo morale alle zingarelle. Ma anche le presidenti di Poste italiane ed Eni, rispettivamente Luisa Todini ed Emma Marcegaglia, se non avessero le entrate delle loro aziende private non supererebbero le due manoleste. Ma ci sarà pure qualche donna manager che possa guardare dall’alto in basso la zingara? O forse no. Azzurra Caltagirone percepisce 750 mila euro l’anno. Quindi al netto delle tasse all’incirca quanto la borseggiatrice intervistata da Mattino 5. E meno male che c’è Gina Nieri a Mediaset che almeno ristabilisce i ruoli, grazie al milione e quasi 120 mila euro l’anno. Cara zingara per arrivare alla Nieri troppi turisti devi ripulire!