“Lecito il divieto dell’Italia alla ricerca sugli embrioni”. Strasburgo respinge il ricorso di Adelina Parrillo che chiedeva di donare i propri embrioni congelati per la ricerca

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Corte di Strasburgo ha stabilito che il divieto di utilizzare gli embrioni per la ricerca scientifica, contenuto nella legge 40/2004, non viola i diritti di Adelina Parrillo. La Corte in questo modo riconosce al nostro Paese un ampio margine di manovra su una questione così delicata su cui non esiste consenso a livello europeo. Secondo i giudici di Strasburgo non esiste la certezza che il compagno della Parrillo, morto a Nassiriya, avrebbe voluto donare gli embrioni. Anche per queste regioni è stato ritenuto che il diritto alla proprietà “non può applicarsi a questo caso, dato che gli embrioni umani non possono essere ridotti a una proprietà come definita dall’articolo 1 protocollo 1 della convenzione europea dei diritti umani”.