Rivolta contro la Lega, nel Centrodestra è stallo sulle candidature. Saltano tutti i vertici. Annullato pure l’incontro tra Berlusconi e i suoi colonnelli

centrodestra Berlusconi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Avrebbe dovuto tenersi oggi il vertice del centrodestra sulle amministrative per chiudere il cerchio sui candidati alle città che andranno al voto a ottobre, con i pesanti nodi su Roma e Milano ancora da sciogliere. E invece appuntamento saltato, come è saltata – annullata all’ultimo minuto – la tanto attesa riunione che avrebbe dovuto svolgersi ieri tra i coordinatori regionali di Forza Italia e il presidente Silvio Berlusconi.

“Mi chiedo come una decisione così importante come quella riguardante il futuro del nostro partito possa essere calata dall’alto senza prima sentire i territori…’’, ha commentato Gabriella Giammanco, vicepresidente di FI in Senato e portavoce azzurra in Sicilia. Il riferimento è alla proposta avanzata da Matteo Salvini di una federazione (da più parti letta come un tentativo di annessione) in cui dovrebbero confluire Lega, FI e i partiti minori della coalizione di centrodestra che sostengono l’esecutivo Draghi.

Una federazion – formata da Lega, Forza Italia e centristi – che, secondo un sondaggio di Enzo Risso, oggi si attesta al 31,6% ma ha un valore potenziale tra il 34 e il 37%. La federazione raccoglierebbe il 5% degli elettori del Movimento 5 Stelle, il 2% degli elettori del Pd, il 14% degli indecisi.

Una sorta di Predellino 2.0 ma senza FdI di Giorgia Meloni insomma, (“Partito unico? Abbiamo già dato e abbiamo visto che i risultati non sono stati eccezionali”, ha dichiarato ieri il capogruppo alla Camera Lollobrigida). E l’ idea continua a creare non pochi malumori in FI: oggi è prevista una riunione del gruppo azzurro a Montecitorio con all’ordine del giorno proprio la proposta di Salvini, mentre domani ci sarà l’assemblea dei senatori azzurri convocata da Annamaria Bernini. Salvo che non saltino pure questi appuntamenti.

Leggi anche: Salvini prova a incantare Draghi. Ma la Federazione con Forza Italia non parte. Matteo vuole accreditarsi come leader del Centrodestra. Dai forzisti coro di No contro l’annessione alla Lega.