Legge Stabilità, l’Ue vuole vederci chiaro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Bruxelles vuole chiarimenti sulla legge di Stabilità. E riguardano specifiche poste di bilancio per verificare la fondatezza delle coperture (tra i rilievi dovrebbero esserci anche le entrate stimate dal contrasto dell’evasione fiscale per 3,8 miliardi ma anche ci si aspettano chiarimenti sulla ‘spending review’). Altro nodo da sciogliere è quello delle riforme strutturali e la loro incidenza su bilancio e pil. Insomma di carne a cuocere ce n’è parecchia. La Commissione prenderà, poi, una decisione sulla base delle risposte ottenute ai rilievi posti: la scadenza per chiedere formalmente modifiche alla ‘finanziaria” 2015 è mercoledì prossimo. La lettera da Bruxelles arriverà a breve.

Il premier, Matteo Renzi, intanto si è detto molto tranquillo. ”In queste ore a fronte di rilievi sempre fatti rispetto alla legge di stabilità si dice arriva la lettera della Ue, cosa che fa evocare chissà quali procedure, messaggi o minacce“, spiega il premier nell’Aula del Senato parlando del Consiglio Ue in programma il 23 e il 24 ottobre. Ma tutto questo è naturale. Quando andiamo ai Consigli europei non siamo degli osservati speciali che hanno dell’Europa l’immagine di una maestra severa e arcigna, che ci spiega cosa fare. Ma siamo un Paese che dovendo svolgere un percorso di riflessione su se stesso e lo sta facendo perché lo ha deciso. Basta, quindi, alla subalternità culturale rispetto all’Europa.L’Italia deve sentirsi “all’interno delle istituzioni europee a casa propria”.

Ma a una settimana dal Consiglio dei ministri del testo del disegno di legge di Stabilità 20156 non v’è traccia. Una cosa è certa: quello approvato ormai una settimana fa non era certamente il testo definitivo che chissà quante limature ha dovuto subire. Per fortuna che in quella serata di mercoledì scorso si parlava già di un testo che sarebbe stato messo al più presto in circolazione. Il testo ieri sera è arrivato al Quirinale senza che la Ragionera Generale dello Stato lo abbia ancora vistato e vidimato.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA