Letta e Bonino non sanno riportare a casa nemmeno gli ultras della Lazio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I tifosi della Lazio fermati in Polonia per gli scontri con la tifoseria avversaria stanno scatenando un vero e proprio caso internazionale. E con l’eterno caso dei marò ancora non risolto per la Farnesina spuntano nuovi imbarazzi. Oggi il premier italiano Enrico Letta ha incontrato il suo omologo polacco Donald Tusk per provare a smuovere qualcosa per  aiutare i 22 tifosi laziali detenuti da sette giorni a Varsavia con l’accusa di violenze nei confronti della polizia. “Nel rispetto delle leggi e della separazione dei poteri ho chiesto al governo polacco di accelerare il più possibile l’applicazione delle regole”, ecco quanto affermato da Letta alla fine dell’incontro. Tusk si è detto fiducioso, ma  a bocciare i facili entusiasmi è intervenuto il ministro degli Interni polacco: “i supporter biancocelesti detenuti da una settimana a nella capitale polacca? Sono banditi”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA