Letta è il nuovo segretario del Pd. “Dobbiamo costruire un nuovo centrosinistra. Abbiamo vinto le elezioni e governato quando abbiamo fatto coalizione”

letta pd
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Assemblea nazionale del Pd ha eletto Enrico Letta segretario del partito. Letta ha ottenuto 860 voti a favore, 2 contrari e 4 astenuti. “Ringrazio e saluto Nicola Zingaretti, mi lega un rapporto di lunga e grande amicizia, abbiamo fatto tante cose insieme e tante ne faremo. Ti ringrazio per avermi cercato, lavoreremo insieme”, ha detto Letta nel suo discorso all’Assemblea nazionale del Partito democratico.

“Propongo di non concludere questa riflessione ma di iniziarla – ha aggiunto Letta – . Presenterò delle idee che saranno contenute in un vademecum che invieremo a tutti i circoli del Pd. Questo per arrivare a delle conclusioni e farne sintesi magari in una futura assemblea”.

E ancora: “non vi serve un nuovo segretario, l’ennesimo, ma un nuovo Pd”, e tra gli argomenti toccati nel suo intervento ha parlato anche della questione donne nel Pd. “Abbiamo un problema – ha spiegato –, lo stesso fatto che sono qui io e non una segretaria donna lo dimostra. Questa cosa la metterò al centro delle nostre azioni, è un problema non solo nostro ma generale e assurdo”.

“Dobbiamo pensare – ha detto ancora Letta – che abbiamo vinto le elezioni e governato quando abbiamo fatto coalizione. Quando siamo andati un po’ per conto nostro e abbiamo voluto evitare di fare coalizione abbiamo perso. Ho imparato che ad aprirsi si guadagna sempre. Siamo il motore del governo Draghi e prepariamo anche il dopo. Dobbiamo costruire un nuovo centrosinistra, su iniziativa e leadership del Pd. Parlerò nelle prossime settimane con tutti coloro che fuori dal Pd possono essere interessati a un dialogo”.

“L’incontro con i Cinquestelle guidato da Conte – ha aggiunto il neo segretario – è un incontro che dobbiamo fare sapendo che non sappiamo ancora come sarà il M5S. Andremo con grande rispetto e attenzione. Un rispetto e un’attenzione che saranno tipici del nostro modo di essere. Dobbiamo essere un partito forte e unito e con una logica espansiva. Parlerò nelle prossime settimane con tutti coloro che fuori dal Pd possono essere interessati a un dialogo e a un linguaggio comune”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA