Lezioni pericolose. Il professore del liceo Massimo confessa gli abusi sull’alunna: “Ero innamorato di lei”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Massimo De Angelis, il professore del liceo Massimo di Roma, ha confessato. Interrogato dal gip, dopo essere stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale su un’alunna di 15 anni, ha confermato: “E’ tutto vero quello che è successo, ma io ero innamorato di lei. Una cosa del genere non mi era mai successa in 25 anni di insegnamento. E’ stato un rapporto consenziente”.

La vicenda – Gli abusi sarebbero durati due mesi nel corso di ripetizioni private all’interno dell’istituto Massimo di Roma che si trova nel cuore del quartiere Eur. L’indagine sarebbe scattata sulla base di alcuni messaggi inviati dall’uomo alla ragazza. Il comportamento dell’insegnante di italiano e latino ha insospettito i genitori della ragazza.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA