Ligresti, bloccati due milioni e mezzo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

La Guardia di finanza di Torino ha sequestrato 2 milioni e mezzo di euro in fuga verso la Svizzera. Destinatario dell’operazione è Paolo Ligresti, indagato nell’inchiesta Fonsai della procura di Torino per falso in bilancio e aggiotaggio e gia’ destinatario di un ordine di carcerazione mai eseguito per via della cittadinanza svizzera ottenuta da Ligresti la scorsa primavera. Le operazioni di trasferimento del denaro e dei titoli verso un conto corrente bancario di Lugano erano già state disposte, ma la Guardia di Finanza di Torino – come spiegano le Fiamme gialle in una nota – si è accorta per tempo del tentativo effettuato dai Ligresti di veicolare, in territorio elvetico, capitali schermati da una società fiduciaria. Il provvedimento di sequestro conservativo, firmato dal gip Paola Boemio su proposta del pm Marco Gianoglio, è stato disposto “a garanzia delle spese di procedimento e di ogni altra somma dovuta all’Erario”.  L’ordine di movimentare il denaro e le azioni Unipol-Sai e’ stato disposto da una società fiduciaria facente capo ai Ligresti. Il conto di destinazione, in Svizzera, è risultato intestato a una società lussemburghese, Limbo Invest SA, anch’essa riconducibile ai membri della famiglia.