L’imprenditore con la pistola

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Due operai edili stranieri sono stati uccisi dal loro ex datore di lavoro. La tragedia nel Fermano a Molino Girola. A perdere la vita Mustafa Neomedim, 38 anni, e Avdyli Valdet, 26 anni, kosovaro, che avevano affrontato armati di piccozza, forse per farsi consegnare del denaro l’imprenditore Gianluca Ciferri, che ora si trova ora nella caserma dei Carabinieri.

L’imprenditore stesso, dopo la sparatoria, avrebbe chiamato i soccorsi e i carabinieri. Secondo il suo racconto, i due ex dipendenti, originari dei Balcani, lo avrebbero affrontato brandendo una piccozza per ottenere del denaro. Una discussione degenerata presto in una colluttazione, e a quel punto l’imprenditore avrebbe impugnato la pistola.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA