L’incertezza sul voto piega Milano: -1%

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chiusura con il  segno meno a Piazza Affari, che registra la peggiore performance in Europa e ignora l’avvio di giornata positivo per Wall Street. A pesare e’ ancora l’incertezza sulle elezioni europee, con i mercati preoccupati che l’esito possa influenzare negativamente la stabilità politica italiana. Così  il Ftse Mib archivia la giornata con un calo dell’1,09% e il Ftse All Share dell’1,02%, comunque sopra i minimi, afronte di moderati rialzi nel resto d’Europa. A risentire del rischio instabilita è’ innanzitutto lo spread tra Btp e Bund che anche oggi è in rialzo a 188 punti base e influisce negativamente sul settore bancario milanese, tutto in negativo. Tra i titoli maggiormente penalizzati, Finmeccanica lascia sul terreno il 3,48% mentre si allontana l’ipotesi di una divisione del gruppo tra i settori civile e difesa. Giù UnipolSai (-3,8%) nel giorno in cui l’a.d. Carlo Cimbri e’ stato accusato di aggiotaggio in un’inchiesta che ha al centro i concambi della fusione a quattro. Gli acquisti invece hanno premiato Mediaset (+2,63%) mentre si parla dello spin-off di Premium.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA