L’Internet day finisce a manganellate. Scontri tra polizia e manifestanti al corteo anti-Renzi. Ma il premier appare solo in collegamento video (GUARDA GLI SCONTRI)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Scontri a Pisa in occasione dell’Internet day. Gli antagonisti e la polizia si sono scontrati nelle vicinanze della sede del Cnr dove era prevista la celebrazione per festeggiare i 30 anni della prima connessione italiana al web. Sono rimasti contusi due manifestanti che fanno parte degli antagonisti, un agente colpito a una gamba e anche un videomaker di Repubblica. Il corteo di questa mattina è stato organizzato dai centri sociali, sindacati di base e collettivi universitari. E hanno aderito anche le associazioni rappresentanti delle vittime del salva banche. Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in collegamento video con l’internet Day ha commentato così gli scontri: “Spiace per gli scontri che si sono registrati questa mattina, sono abbastanza incomprensibili. Stiamo discutendo di come Internet possa aiutare il Paese a creare competitività. E’ una di quelle cose su cui non ha proprio senso litigare, anzi bisogna coinvolgere più persone possibili”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA