Listini prudenti aspettando Draghi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Apertura leggermente negativa per le Borse europee all’indomani del balzo post-elezioni e in attesa dell’intervento di Mario Draghi (previsto nel pomeriggio). Gli operatori, inoltre, iniziano a guardare alla riunione Bce di settimana prossima, in cui l’istituto centrale potrebbe prendere nuove misure di espansione monetaria. Parigi segna cosi’ -0,2%, Francoforte e’ sulla parita’ mentre Milano lascia sul terreno lo 0,5% dopo il +3,6% di ieri. A Piazza Affari, ancora acquisti sui titoli finanziari (lo spread cala ancora a 158 punti base), mentre la peggiore e’ Saipem (-1,1%); tra i titoli positivi ci sono anche Fiat (+0,5%) e Mediaset (+0,3%). Sulla parita’ Bpm dopo il tutto esaurito sull’aumento da mezzo miliardo mentre Telecom perde lo 0,34% all’indomani di un balzo del 3,6%. Da segnalare che ieri pomeriggio Tarak Ben Ammar ha dichiarato che anche Mediobanca (come Generali) potrebbe uscire da Telco a giugno. Sul mercato valutario l’euro risale a 1,365 mentre in Asia il petrolio apre stabile con il Wti a 104,4 dollari al barile

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA