L’Italia dei ricchi e poveri

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La metà dei contribuenti ha un reddito complessivo dichiarato inferiore a 15.654 euro. E’ quanto emerge dalle dichiarazioni dei redditi del 2012, presentate in settembre 2013 diffuse oggi dal ministero dell’Economia. Il reddito medio è a 19.750 euro. Dalle dichiarazioni emerge anche un divario fortissimo tra ricchi e poveri: il 5% dei contribuenti con i redditi più alti dichiara il 22,7% del reddito complessivo.

Si tratta di una quota maggiore di quella dichiarata da metà contribuenti, quelli con redditi più bassi.Dai dati emerge anche che il patrimonio immobiliare all’estero dei cittadini italiani ammonta a circa 23 miliardi di euro. A possedere immobili in altri paesi risultano 113 mila soggetti. Sono invece 130 mila i soggetti che dichiarano attività finanziarie all’estero per 28 mld di euro.Sono i Lombardi i contribuenti con il reddito medio complessivo più elevato, 23.320 euro, seguiti dai cittadini del Lazio a 22.100 euro. La regione con il reddito medio più basso è la Calabria che si attesta a 14.170 euro.

Tra il 2008 ed il 2012 il reddito medio dei lavoratori dipendenti è sceso del 4,6%, quello dei pensionati è invece cresciuto del 4,6%. Il reddito medio dei lavoratori autonomi è sceso del 14,3%, quello degli imprenditori dell’11%. Oltre 10 milioni di contribuenti non pagano un euro di Irpef grazie alle diverse forme di detrazioni ed esenzione. Ci sono però 31,2 milioni di soggetti (il 75% dei contribuenti) che paga in media un’Irpef netta di 4.880 euro.

Dalle dichiarazioni risultano 350 mila lavoratori dipendenti in meno rispetto a al 2008. Rispetto al 2008 si registra un calo di 190 mila pensionati, di 32 mila imprenditori e 138 mila soggetti che dichiarano reddito da partecipazione. In compenso i lavoratori autonomi tra il 2008 e il 2012 sono 128mila in più.I lavoratori autonomi dichiarano in media 36.070 euro, i dipendenti 20.280 e gli imprenditori 17.740. I dati non tengono conto di autonomi e imprenditori in perdita. Fanalino di coda rimangono i pensionati con 15.780 euro.