L’Italia è fuori dalla recessione. Il Pil nel primo trimestre cresce dello 0,2%. Di Maio: “Andiamo avanti come un treno verso il cambiamento”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Italia è fuori dalla recessione. Secondo gli ultimi dati comunicati dall’Istat, dopo due trimestri di segno meno, il Pil italiano ha fatto registrare nei primi tre mesi del 2019 un rialzo congiunturale dello 0,2%. Il dato è oltre le attese degli analisti. Su base annua, nel primo trimestre, il Pil è salito invece dello 0,1%. Sono queste le stime preliminari dell’istituto di statistica che certificano quindi che l’Italia non è più in recessione. Nel IV trimestre del 2018, si era registrato il -0,2% congiunturale mentre nel terzo il -0,1%.

All’inizio del 2019, analizza l’Istat, l’economia italiana ha registrato “un moderato recupero che ha interrotto la debole discesa dell’attività registrata nei due trimestri precedenti”. Nel complesso, “l’ultimo anno si è caratterizzato come una fase di sostanziale ristagno del Pil, il cui livello risulta essere nel primo trimestre del 2019 pressoché invariato rispetto a quello di inizio del 2018”.

“L’Italia fuori dalla recessione – ha commentato da Tunisi il vice premier, Luigi Di Maio – dimostra che la direzione intrapresa dal governo è quella giusta. Andiamo avanti come un treno verso il cambiamento. Domani essendo il 1 maggio potremo festeggiare questa festa con qualche dato positivo: l’Italia per l’Istat è fuori dalla recessione con +0,2%”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA