Lo spottone di De Luca: la Regione spende per auto-lodarsi. La Giunta campana sborsa 75mila euro per “sensibilizzare” la cittadinanza

di Carmine Gazzanni
Cronaca

Opuscoli e volantini. E poi “azioni di comunicazione, sensibilizzazione e informazione rivolte ai cittadini e a target specifici, sulle attività della Giunta Regionale svolte nel 2017”. Vincenzo De Luca, quando si tratta di rendere edotta la popolazione su quanto fatto nel corso di questi anni proprio non bada a spese. E così, se in consiglio regionale preferisce affidarsi al linguaggio non verbale soprattutto se in risposta alla pentastellata Valeria Ciarambino, al di fuori dei palazzi istituzionali meglio affiggere manifesti e gridare ai quattro venti quanto realizzato nel corso della sua amministrazione. Soprattutto se poi a pagare è, manco a dirlo, la stessa cittadinanza.

A scorrere l’elenco degli ultimi bandi di gara, infatti, ne spuntano due molto curiosi. Cominciamo dal primo. A novembre la giunta regionale ha approvato un decreto per “l’acquisto di un servizio di stampa e distribuzione dell’opuscolo e delle locandine Un anno per la Campania”. Pare proprio uno spottone di quelli lusinghieri. Avremmo voluto avere più informazioni ma, complice il periodo vacanziero, La Notizia non ha ottenuto risposte a riguardo. Eppure le curiosità non sono poche considerando che, stranamente, i documenti di gara non sono reperibili. L’unica certezza è il costo: 35mila euro.

Ma non è finita qui. Perché accanto a opuscoli e volantini con cui immaginiamo De Luca vorrà tappezzare la Campania per assicurarsi che tutti sappiano cosa è stato fatto in “un anno per la Campania“, spunta un secondo bando. A indirlo, ovviamente, sempre la Giunta regionale. E qui il discorso si fa ancora più esplicito siccome parliamo, come detto, di “azioni di comunicazione, sensibilizzazione e informazione rivolte ai cittadini e a target specifici, sulle attività della Giunta Regionale svolte nel 2017”. Insomma, l’intento più che chiaro è fare in modo che tutti siano a conoscenza dell’operato di De Luca. Costo dell’operazione: 38mila euro. Anche qui la musica è la stessa: documenti di gara inaccessibili, a differenza di altri bandi pure indetti dalla Regione. Sarà solo un caso? Sicuramente sì. L’unica certezza al momento, però, sono gli oltre 75mila euro di spesa affinché si dica che De Luca è stato bravo.

Tw: @CarmineGazzanni