Lodi, dietro l’omicidio della giovane escort un giro di soldi. Spuntano cinque conti correnti intestati al killer

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nuovi elementi sull’omicidio di Lodi, dove Lavinia Simana Aiolaiei, una escort romena di 18 anni, è stata strangolata durante un rapporto sessuale con il suo killer. La questura di Lodi, infatti, ha scovato cinque conti correnti intestati all’assassino, Andrea Pizzocolo, di 41 anni. “Un giro di denaro vorticoso” che non si addice a un ragioniere che guadagna 1.800 euro al mese, con moglie e figli a carico. Un dato, questo, che accredita l’ipotesi degli investigatori: Pizzocolo potrebbe essere un regista di snuff movies, film che terminano con la morte di una persona. Pellicole legate al mercato nero e vendute a somme di denaro esorbitanti. Si spiegherebbero così anche le telecamere nascoste al Moon Motel di Busto Arsizio e nell’orologio che il killer portava al polso.