In Lombardia ora i più colpiti dal Covid sono i bambini. Bertolaso: “È la categoria con il tasso di incidenza più alto. Si ammalano più facilmente perché non sono vaccinati”

bambini Bertolaso
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La categoria di età più colpita dal Covid oggi in Lombardia sono i bambini tra i 5 e i 12 anni”. È quanto ha detto il consulente della campagna vaccinale in Regione Lombardia, Guido Bertolaso, nel corso di un sopralluogo ai padiglioni di FieraMilano City e di una diretta Facebook (qui il video) dedicata all’avvio della somministrazione dei vaccini ai bambini.

“Oggi, nel corso di una diretta Facebook con le famiglie che abbiamo organizzato con Regione Lombardia – ha aggiunto l’ex capo della Protezione civile -, mostreremo che i bambini positivi in Lombardia ad oggi sono quelli che si ammalano più facilmente rispetto alle altre categorie perché  non sono vaccinati”.

“Di fronte anche a questi numeri – ha detto ancora Bertolaso -, non ci sono dubbi sull’esigenza di vaccinare i nostri figli e nipoti, non perché possono essere loro quelli che contaminano le altre persone, ma perché dobbiamo tutelare loro stessi. Chi dice che il Covid è una malattia non pericolosa per l’infanzia non sa di cosa sta parlando, basta guardare i dati a livello mondiale”.

“È chiaro – ha detto ancora il responsabile della campagna vaccinale della Regione Lombardia – che ci sono ancora molti indecisi e incerti. Noi oggi pomeriggio faremo questo grande incontro con pediatri di chiara fama, che curano e lavorano con i bambini da sempre e quindi sono l’espressione più attendibile da ascoltare in questo momento di grande confusione, dove troppi parlano senza sapere di cosa stanno parlando”.

“Noi lasciamo invece la parola ai veri esperti – ha aggiunto Bertolaso -, a quelli che della vita dei bambini hanno fatto la loro missione professionale. Non vogliamo costringere nessuno a vaccinare i propri figli, vogliamo convincere i genitori che è fondamentale vaccinare i propri figli”.

“L’incidenza in Lombardia ogni 100 mila abitanti, dall’8 novembre a oggi, nei bambini tra 6 e 10 anni – ha spiegato ancora l’ex capo della Protezione civile – è peggiorata notevolmente, oggi è la categoria più colpita che ha il tasso d’incidenza più alto: 446,3. A seguire la fascia 11-13 anni al 255,5 e quella 14-18 al 126,8. La chiacchiera, diceria, che gira anche fra alcuni colleghi, che dice che bisogna aspettare perché tra poco arriva un nuovo vaccino più sicuro per i bimbi. È una fake news. Ci sono vaccini in fase di sperimentazione, ma nessun vaccino ha ricevuto autorizzazioni oltre a quelli che stiamo usando”,