Lombardia, i rinviati a giudizio diventano consulenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Alessandro Barcella

Rinviato a giudizio, ma confermato e pagato con soldi pubblici. La presunzione di innocenza è sempre la regola fondamentale, ma quando si parla di pubblica amministrazione non può non entrare in gioco la questione dell’inopportunità di alcune scelte. Ci riferiamo alla consulenza esterna che la Regione Lombardia del neo governatore Maroni ha confermato per Nicolamaria Sanese. Un nome “pesante”, in termini di potere amministrativo gestito e di popolarità legata a vicende giudiziarie. Nicolamaria Sanese è stato infatti segretario generale di Regione Lombardia e direttore generale della Presidenza, amico e sodale ciellino dell’ex governatore Formigoni.

Un politico di lungo corso
Sanese sedeva al Pirellone dal 1995, prima come capo di gabinetto del presidente Formigoni e dal 2000 come segretario generale dell’Ente. Originario dell’Abruzzo, Senese ha militato per lunghissimi anni nella corrente democristiana dello scomparso Giulio Andreotti, oltre a ricoprire più volte incarichi da Sottosegretario di Stato nei governi Craxi, De Mita e Fanfani. Il passaggio di consegne tra Formigoni e Maroni non ne vede tuttavia il “tramonto” politico e al mega dirigente dallo stipendio annuo di circa 272.000 euro viene garantita una consulenza annuale. E se si tratta di “poca roba” in termini economici (38mila euro lordi più oneri e contributi per nove mesi di incarico) non può tuttavia non notarsi l’infelice coincidenza di tempi.

Do ut des
E’ infatti di pochissime settimane fa la notizia di un rinvio a giudizio, chiesto dalla Procura di Milano, nell’ambito della vicenda Maugeri. L’inchiesta è la stessa che vede coinvolto, insieme a Sanese, l’ex governatore lombardo Formigoni e altri dirigenti pubblici (in totale 12 tra dirigenti della sanità e amici personali di Formigoni). L’accusa? Utilità per 8 milioni di euro ricevute da Formigoni in cambio del suo appoggio ad alcune delibere regionali, che avrebbero favorito la Fondazione Maugeri e la Fondazione San Raffaele del Monte Tabor.

Per Sanese il ruolo di consulenza affidato sembra quasi suonare come una beffa: coordinamento scientifico e progettazione della Scuola Superiore di Alta Amministrazione e supporto allo sviluppo della Scuola per la pubblica amministrazione di Eupolis Lombardia. Ma siamo proprio sicuri che dalle parti di Palazzo Lombardia sappiano cosa si intende con il concetto di “Alta amministrazione”?