L’Opera di Roma risale sul palco

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Orchestra e coro dell’Opera di Roma potrebbero tornare a suonare e cantare. Il sovrintendente del Teatro dell’Opera, Carlo Fuortes, sarebbe pronto a ritirare i licenziamenti collettivi di coro e orchestra qualora si raggiungesse un accordo condiviso per ridisegnare il contratto integrativo. A rendere nota l’apertura le sigle sindacali che hanno incontrato il sovrintendente. “Siamo pronti a recepire, su mandato del Cda, eventuali modifiche alle misure decise precedentemente”, aveva annunciato Fuortes. Si tratta di 182 licenziamenti relativi ai membri di orchestra e coro del Costanzi, decisi dal Cda lo scorso 2 ottobre. Prosegue la trattativa e la prossima data di snodo è l’11 novembre, il giorno seguente alla manifestazione nazionale a Roma dei lavoratori di tutti gli Enti lirici e sinfonici italiani.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA