Loris, arriva la svolta. La madre, Veronica Panarello, fermata per omicidio e occultamento di cadavere. Ma la donna nega tutto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Svolta nell’inchiesta di Ragusa: Veronica Panarello fermata con le accuse di omicidio aggravato e occultamento di cadavere. Dopo sei ore di interrogatorio è arrivata l’accusa di aver ammazzato il figlioletto, Loris, di soli otto anni.  Al più presto dovrebbe essere interrogata di nuovo. Avrebbe agito da sola secondo la ricostruzione degli inquirenti. E per lei ci sarebbero gravi indizi di colpevolezza.

POMERIGGIO INTENSO
Erano circa le 17 quando le forze dell’ordine hanno prelevato Veronica Panarello dalla sua abitazione. Il giallo di Ragusa potrebbe essere a un punto di svolta. La donna è stata trasportata in Procura mentre l’abitazione è rimasta presidiata. In mattinata qualche sentore che quella di oggi poteva essere una giornata chiave c’era. La donna non ha chiarito vari punti rimasti oscuri.  C’è da fare chiarezza su quel buco di 36 minuti, tra le 8.49 e le 9.25 di sabato 29 novembre in cui secondo gli investigatori Veronica sarebbe rimasta sola in casa con il figlio Loris, che non è mai andato a scuola a differenza di quanto affermato e ribadito dalla madre nel corso degli interrogatori. In quell’arco temporale la donna ha ricevuto una sola telefonata, dal marito, due minuti prima di uscire. Troppe cose non tornano e il mistero di Ragusa s’infittisce sempre di più. Dalla sequenza delle immagini raccolte emerge che la donna esce di casa alle 8.32 con i suoi due bambini per accompagnare il più piccolo in ludoteca. Loris, però, non sale in auto e torna verso casa. Alle 8.49 la donna torna a casa. Alle 9.25, poi, la donna riesce con la sua Polo nera e viene ripresa, dalle telecamere di un distributore di benzina, non molto distante dalla zona del Mulino, il luogo del ritrovamento del piccolo Loris da parte del cacciatore. Si fanno le 9.40 e la donna fa ritorno a casa per circa tre minuti, il tempo di saliere e riscendere, e prendere la via del castello di Donnafugata dove Veronica ha preso parte a un corso di cucina.